AVCP: un ruolo attivo nella spending review

aprile 7, 2014
Autore: Carlo Cresta - AVCP

Abstract

“…l’AVCP non riceve finanziamenti pubblici, ma copre le sue spese con i contributi (singolarmente di modesta entità) versati dalle stazioni appaltanti e dagli operatori economici che partecipano alle gare. Anzi, con tali contributi l’AVCP ha anche finanziato altri Istituti … Inoltre, nello svolgimento della propria azione finalizzata a reprimere comportamenti distorsivi della libera concorrenza sul regolare svolgimento delle gare e sull’esecuzione dei contratti pubblici, applica sanzioni che sono versate nelle casse dello Stato”.

“L’azione dell’AVCP, ……., influisce direttamente sia sullo specifico intervento, limitando esborsi economici impropri, che sulla totalità degli interventi, fornendo, con la pubblicazione delle proprie delibere e determinazioni, indicazioni alle stazioni appaltanti. Si può ben immaginare quale possa essere il ritorno economico di tale attività di vigilanza e indirizzo in settori, quali quello delle opere della Legge Obiettivo, caratterizzati da interventi di importo rilevante e da contenziosi ingentissimi”.

“…. appare evidente: la peculiarità e complessità delle competenze e delle attività rimesse all’AVCP; la necessità che tali attività continuino ad essere svolte in modo organico da un’unica istituzione, stante la stretta correlazione tra le stesse, al fine di rendere maggiormente efficace l’azione;  la necessità che tale istituzione sia indipendente e autonoma; come l’azione della AVCP sia funzionale ad evitare che proseguano meccanismi distorti che incidono ancora fortemente sulla spesa pubblica; come la stessa abbia concretamente agito per perseguire tale finalità, oltre ad assicurare il rispetto dei principi di trasparenza, correttezza, economicità, efficacia, libera concorrenza nel settore dei contratti pubblici;  come il risultato raggiunto in numerosi casi abbia determinato concreti risparmi economici;  la necessità che le competenze e gli strumenti di intervento dell’AVCP siano adeguatamente rafforzati e siano evitate disposizioni che ne limitino l’intervento in determinati settori e in particolari evenienze. “In definitiva si ritiene che l’AVCP non possa ritenersi una inutile spesa, ma piuttosto una risorsa per il Paese ai fini del contenimento della spesa pubblica, da rafforzare opportunamente sia con disposizioni normative che misure organizzative tese a migliorarne l’incisività dell’azione”.

 leggi il documento completo  AVCP: un ruolo attivo nella spending review

progetto

 

Tags:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *

BANCHE DATI

GOOGLE TAGCLOUD